Inizio pagina
Eventi

δαίμων | daimon. Un progetto di Andrea Casciu per il Mamumask

δαίμων | daimon
Un progetto di Andrea Casciu a cura di Luca Cheri, Claudia Melis, Vittoria Chiara Peru

Opening >  Sede Pro Loco, Mamoiada, h: 22:00

Ma i pensieri che ricevono luce dai demoni
Rilucono agli uomini demonici
Plutarco, De Genio Socratis

Per il suo progetto pensato per la seconda edizione del Mamumask – Festival Internazionale delle Maschere di Mamoiada, Andrea Casciu ha ideato un’animazione di maschere ispirata a un immaginario demoniaco. A metà tra l’essere e l’apparire, la maschera si presta al gioco dell’ambiguità, dell’ambivalenza, del mistero e dell’enigma.

L’animazione di Casciu si diverte a mostrare il doppio, la mutevolezza dell’uomo barbuto, segno distintivo della sua arte, che si trasforma, attraverso flash velocissimi, in maschere demoniache.

La parola daimon (δαίμων), oggi tradotta comunemente come demone, non ha a che vedere con l’idea di essere demoniaco che si sviluppa dall’età cristiana in poi.

Daimon è, nell’antica Grecia, colui che distribuisce o assegna il destino, è la voce interiore del nostro spirito: “Non sarà il demone a scegliere voi, ma sceglierete voi il vostro demone” scrive Platone nella Repubblica.

Il daimon è un essere intermedio che unisce umano e divino, fattore di scambio tra il mondo sovrannaturale e umano, trasforma il destino dell’uomo rivelandone il carattere più intimo.

Il daimon di Andrea Casciu è una maschera: essere a metà tra uomo e soprannaturale, è identità e spersonalizzazione, presenza e assenza, nasconde e, allo stesso tempo, rivela il nostro “carattere” più intimo.

Ripercorrendo le tracce del suo lavoro, in cui il volto umano, l’autoritratto e la riflessione sull’identità sono protagonisti, Casciu demonizza i suoi volti con un gesto liberatorio simile a quello del carnevale. I suoi volti sono demoni celati, che si scorgono in un attimo breve e folgorante, inaspettato. Le maschere rappresentano la nostra doppia identità, il dissimulare la parte intima dell’essere, recondita e sfuggente.

La maschera, durante i riti pagani e il Carnevale, in particolare quello barbaricino, non viene venerata come semplice simbolo, ma viene considerata presenza del dio stesso: il suo forte legame con gli spiriti antichi sottolinea il collegamento con il daimon, la sua energia misteriosa e inquieta.
Le maschere di Casciu richiamano profondamente l’iconografia e la simbologia sarda, quegli dei remoti nel tempo, simboli di fertilità e potenza, estranei da connotazioni demoniache e infernali.

Le sue maschere sono demoni, sono il nostro ricordo e la nostra memoria.


Info Museo

Il servizio di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura è sospeso come previsto da decreto-legge 13 marzo 2021, n. 30 e dpcm 2 marzo 2021.

Seguite i nostri canali social per rimanere aggiornati sulle nostre attività e sulla data di riapertura degli spazi espositivi.

 


Condividi su

AIUTACI A CRESCERE

Aiuta il Museo con un contributo libero o sostieni uno dei nostri progetti.
Fai una donazione